I segreti per vivere in forma

bulimia
Bulimia: un disturbo complesso risolvibile in tempi brevi
26 giugno 2016
separazione
Separazione: cosa dire ai figli?
26 giugno 2016

I segreti per vivere in forma

workout-1420741_640

Come trovare e mantenere la giusta motivazione per il benessere psicofisico!

 

 

 

Il rientro dalle vacanze è uno dei momenti in cui spesso ci si ritrova a fare i conti con la propria forma fisica. Spesso durante le ferie, col desiderio di lasciare alle spalle lo stress accumulato durante l’anno, ci si concede qualche settimana di relax; e questa sensazione di staccare la spina e godersi finalmente il meritato riposo di frequente spesso si accompagna anche al lasciarsi andare ai piaceri della tavola e al dolce “far niente”.

Ecco allora che, al ritorno alla routine quotidiana, ci si accorge di aver perso

quell’ agognata forma fisica per cui si era impegnati a fondo con l’obiettivo di superare la cosiddetta “prova costume”.

Che fare allora per tornare in perfetta forma? Oramai è chiaro quasi a tutti che per ottenere un buon livello di benessere psicofisico siano necessari una corretta alimentazione e un’adeguata attività fisica. Quali quindi le possibili soluzioni? Dieta? Palestra? Sì, ma da dove cominciare?

A livello psicologico, il fatto di vedersi con qualche chilo di troppo porta ad uno stato di insoddisfazione corporea che a sua volta va a ripercuotersi negativamente sulla nostra autostima.

Questa condizione può essere la base di partenza per iniziare a compiere una scelta verso il cambiamento.

 

Ecco allora come fare:

 

  • PIANIFICAZIONE

 

Innanzitutto occorre fare una scelta e pianificare subito in maniera concreta la sua attuazione. Per esempio, quante volte avete detto all’amico o al partner o a voi stessi:

“ Ho deciso di iscrivermi in palestra!” e poi non ci siete mai andati? !…Per non lasciare quindi, che questo diventi uno dei tanti buoni propositi mai realizzati è necessario per prima cosa darsi una “scadenza” a breve termine. Prendete quindi in mano la vostra agenda e programmate un momento libero durante la settimana in cui potete andare a vedere e scegliere una palestra in cui possiate iscrivervi e /o nel caso decidiate di iniziare a seguire una dieta telefonate e prendete appuntamento con un nutrizionista.

La pianificazione rappresenta già una buona base di partenza.

 

  • MICRO-OBIETTIVI

Una volta iscritti in palestra, solitamente si procede in questo modo: si va, si compra tutto ciò che ci serve per la nostra attività fisica, si chiede all’istruttore di fare un programma d’allenamento ,a seconda delle proprie esigenze, poi ci si butta subito a capofitto, presi dall’entusiasmo. In un primo periodo si dedica molto tempo alla palestra, addirittura più di quanto viene consigliato o di quanto ci si era prefissati; poi però questa routine diventa ben presto insostenibile: allo stress lavorativo si va ad accumulare anche quello fisico e col passare del tempo ci si ritrova a ridurre drasticamente l’attività fisica. E allora, mossi dal senso di colpa, inizia la sequela di autogiustificazioni : ad ogni nostro proposito per muoversi ed andare ad allenarsi si contrappone una lista di scuse o impegni che vengono posti come improrogabili e che quindi diventano prioritari e inducono a rinunciare allo spazio dedicato al training fisico.

Per evitare quindi questa situazione occorre iniziare ponendosi dei piccoli obiettivi a breve termine, facilmente raggiungibili e realizzabili. Abbandonate le vostre pretese irrealistiche di ottenere tutto e subito e diffidate dei programmi dietetici e di allenamento che propongono formule del tipo : “5 kg in meno in una settimana!”. Non solo questi programmi sono poco credibili ma sono solitamente vanno contro il concetto di benessere psicofisico e possono provocare danni alla vostra salute.

  •   STEP BY STEPfitness1

La procedura più indicata per ottenere buoni risultati che si possano consolidare nel tempo è quella “step by step” ovvero la strategia dei piccoli passi. A piccoli obiettivi corrispondono programmi di allenamento e dietetici pratici e facilmente applicabili alla nostra quotidianità. Se ,per esempio, il lavoro vi tiene impegnati ogni giorno per circa 8 ore, e a questo si aggiunge il tempo che si passa sui mezzi di trasporto e magari anche quello dedicato alla gestione della famiglia, onde evitare che l’attività fisica diventi un ulteriore sovraccarico all’interno della vostra giornata, occorre scegliere uno spazio libero in cui ci si può dedicare ad essa in totale libertà e senza essere troppo stressati .

Iniziare anche con un solo giorno alla settimana può essere sufficiente per cominciare: è già un piccolo passo, se riuscite a mantenere questo appuntamento fisso con l’attività fisica.

Lo stesso discorso vale per l’alimentazione. Inutile e deletereo sarebbe sottoporvi a diete da fame . E’ meglio cercare di seguire uno stile alimentare sano e che riesca a soddisfare anche le nostre esigenze. La regola quindi di fare tre pasti completi al giorno, mantenendo un rapporto corretto di macronutrienti e con l’aggiunta di qualche spuntino, se necessario, sembra essere quella vincente.

  •  MISURA I RISULTATI

Prendere nota dei propri allenamenti e dei pasti che consumiamo in termini di tempi, peso, costanza e sensazioni può essere un metodo efficace ed efficiente per tenere d’occhio la nostra forma psicofisica. A questo proposito può essere utile armarsi di una sorta di diario (attualmente sono disponibili anche applicazioni per Smartphone) sul quale appuntare i nostri obiettivi e i risultati raggiunti. Questo strumento può servire anche per avere un costante monitoraggio sulla vostra situazione e vedere i vostri miglioramenti che vanno ad alimentare e sostenere la vostra motivazione.

  •  PIACERE CIBO E MOVIMENTO

Il calo di motivazione e il possibile conseguente abbandono del vostro piano dietetico e di quello d’allenamento spesso nascondono uno stato d’insoddisfazione e di malessere psicologico. Spesso questo accade perché ci si ritrova a seguire programmi alimentari e di training noiosi e faticosi.

La soluzione per evitare che questo accada sta nel porvi degli schemi non troppo rigidi, che vengano, nel limite del possibile, incontro ai nostri gusti personali; scegliete quindi pur rimanendo all’interno di un iter predefinito dei cibi e dei tipi di attività fisica che vi piacciono e che soddisfino le vostre esigenze.

…E ricorda: benessere significa piacere e piacersi!

Dott.ssa Laura Cazzaniga, Psicologa e Mental Trainer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *